Non si può essere fan con la penna in mano

di Riccardo Storti, pubblicato il 20 maggio 2018

by Riccardo Storti*

Talvolta, certe occasioni di approfondimento, non vanno lasciate lì, ma devono essere colte, anche per rovesciare il luogo comune, secondo cui, tutto quel che transita sul web, galleggia.

Certo: un articolo continua a galleggiare fino a quando non si “risponde” per fare crescere i concetti sviluppati in esso. È il bello del 2.0 che, mai, potrà essere generato dalla lentezza del cartaceo. Ma la lentezza merita sempre e comunque un elogio, proprio quando la “velocità” diventa un imperativo tonante per non rimanere indietro.

La velocità, come quella dei motoscafi che scorrazzano sulle onde. In superficie, appunto; ma quante volte ci siamo chiesti: “com’è profondo il mare”?

Divago con la penna, anzi, no: sulla tastiera. Ma divago con la voglia di arrivare al punto.

Nel 2.0 purtroppo l’immediatezza fa compiere troppi errori in quanto si crede di scrivere, ma, in realtà, si parla. Perché? Ma perché spesso lo si fa da smartphone, sui social, tra maldestri tentativi multitasking più degni di un millenial che non di “persona di una certa età”. E molti di noi (io per primo, prossimo al mezzo secolo) siamo inadeguati; visto che sorvegliamo poco la nostra lingua che, quando è scritta, dovrebbe essere dotata – prima di tutto – di una consapevolezza espositiva controllata. Aggiungo e preciso: consapevolezza espressiva (più o meno) controllata.

Fabio Zuffanti, in un intervento uscito oggi sul suo blog (Della fine della critica musicale. (e della suarinascita?)), lamenta la necessità di una “sana critica” musicale, capace di svincolarsi dalla pessima abitudine di recensire in base ai condizionamenti del momento. Perché, Fabio, in una cosa, ha ragione: è raro imbattersi in recensioni costruttivamente negative; sovente manca quella figura “che indichi in maniera scrupolosa dove sta il bello e si permetta, senza timore di dire cose scomode, di sviscerare in maniera costruttiva le pecche di un album o di un genere dovrebbe essere imprescindibile.” In sostanza, manca il critico, ovvero quel soggetto comunicativo capace di ” di guidare i fruitori (il pubblico) nelle scelte grazie alla cultura acquisita nel campo e alle analisi serie, puntali e dettagliate.”

Soprattutto in generi di nicchia, tra critico e compositore c’è quella stima reciproca che, però, talvolta rischia di trasformarsi in una complicità (sia bene chiaro: sana e disinteressata) che, alla fine, riduce quella necessaria equidistanza “ermeneutica”, finalizzata ad avvicinare qualsiasi recensione, appunto, ad una presunta oggettività.

Eppure l’intelligenza non dovrebbe ammettere equivoci; invece l’equivoco prende il sopravvento perché, sotto sotto, si è anche un po’ amici, un po’ spiace, forse è meglio se certe cose gliele dico in privato, etc. etc. Ma la critica va a farsi friggere e si va avanti a suon di mutui piaceri.

E vogliamo aggiungere il peso della pigrizia? L’essere influenzati a priori in quanto “conosco la sua produzione dal primo disco”, quindi l’ultimo disco non è altro che il frutto di un corollario artistico già (da me, critico) predestinato? E chi sono? Dio? Tutti rischi del “mestiere”.

Quale potrebbe essere una soluzione possibile. Fabio propone un ritorno all’antico, una pubblicazione cartacea: “…la rivista che ho in mente non dovrebbe assolutamente avere un sito internet o una casella email. Internet dovrebbe essere lasciato fuori da questo progetto, così come i social network. Si dovrebbe basare tutto sul passaparola e sulla voglia di andare in edicola a comprarla. Lettere di elogio o protesta? Potranno essere inviate alla redazione e scritte a mano, altrimenti saranno cestinate. Nessuno dovrebbe permettersi di fare discussioni infinite sui social distruggendo il giornale a suon di “rosiconi”. Poi magari lo si farebbe lo stesso ma il giornale e i suoi recensori dovrebbero essere obbligati a star fuori da questo assurdo e cieco gioco al massacro.”

fanzine punk

fanzine punk

E, tutto sommato, è una soluzione di buon senso, anche se l’ostracismo del web potrebbe essere agevolmente scongiurato, se ritornassero in auge meccanismi di moderazione. D’altra parte che cosa è una redazione, quali scopi ha? Filtrare quanto giunge e correggerlo all’interno di una linea editoriale. Tale prassi non la si confonda con la censura, anche perché l’autorevolezza, non tanto di una singola penna, ma di un pool di penne (valide e oneste intelettualmente), cresce proprio in base alla fedeltà con la linea editoriale.

Ciò non potrebbe esistere sul web, attraverso lo strumento del blog? Certo, la moderazione redazionale richiede un lavoro di squadra e di affiatamento non indifferente, ma anche “teste” che abbiano ben chiaro fino in fondo quale sia il compito del loro lavoro. Insomma, alla base si richiede un’intenzione programmatica che non si limita e non si esaurisce nel puro (e semplice) fatto di recensire.

Senza dimenticare che, quando si scrive di musica, sia fondamentale sapere bene quali siano i cardini di quel linguaggio espressivo, la sua storia e la sua evoluzione. Bisogna studiare (sempre) e avere studiato (prima). Non è da tutti. Non è per tutti. Questa è la linea di separazione che distingue il critico musicale dal puro, semplice e onesto appassionato di musica. Non si può essere fan con la penna in mano: se vuoi scrivere di musica, poco conta se sai tutto sui King Crimson (che ami alla follia), ma non conosci Robert Glasper.

Il cartaceo, altra questione. Idea bellissima, ma se parliamo di carta, parliamo di un “materiale” che costa, perché dietro ci sono la stampa e la diffusione. E qui ci vogliono i denari e chi abbia voglia (nonché sensibilità) di investire, perché la prima domanda che, oggi, l’anfitrione si pone non riguarda tanto la qualità del pubblico, quanto la fetta di mercato. Non mi pare sia tempo di editori illuminati (e illuminanti). Decenni fa, quando il soldo pubblico raggiungeva il mondo dell’istruzione e della formazione, magari, una rivista aveva la funzione di illustrare i risultati di un progetto ben preciso all’interno di un percorso didattico. Quante erano le riviste universitarie o parauniversitarie foraggiate da illustri case editrici. Ma oggi? Inoltre – è vero – il far west grafomaniaco del web ha contribuito a confondere di più le acque, ormai intorbiditesi a tal punto che quasi nessuno si pone più quella domanda: “com’è profondo il mare.”

 

*Presidente del Centro studi per il Progressive Italiano

Articolo originale alla pagina https://scrittoreprog.blogspot.it/?view=sidebar

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi