Recensione disco consigliato: Flying Lotus – You’re dead! – 2014

di Roberto Giannini, pubblicato il 20 Ottobre 2014

Flying Lotus – You’re dead! 

(©2014 AllMusic.Com – review by Andy Kellman – trad. Alex Armosino)

La prima stesura di You’re Dead! aveva la lunghezza di un doppio album: una quantità di brevi pezzi che, per Steven Ellison, non rappresentavano nulla più che un possibile quinto disco come Flying Lotus. Ma via via che il produttore e tastierista passava più tempo elaborando e dando forma alle registrazioni, il titolo (“Sei morto!”), dal significato inizialmente ironico, assumeva progressivamente un più alto valore emotivo, suscitando infatti considerazioni sulla propria mortalità e sulle perdite che aveva dovuto affrontare, incluse le morti dei genitori, della nonna, della mitica zia Alice Coltrane e del suo amico e collaboratore creativo Austin Peralta.

La versione definiva di You’re Dead! consiste di 19 brani della durata media di un paio di minuti, concepiti per essere ascoltati da cima a fondo in rigorosa sequenza. L’ album scorre ancor più fluidamente del precedente Until The Quiet Comes, benché i suoni risultino più articolati e liberi, e più profondamente radicati nel jazz.

Ancora una volta Ellison si appoggia ampiamente a compagni di lunga data ma chiama a sé anche nuovi collaboratori e tutti loro – il bassista e cantante Thundercat, il batterista Deantoni Parks, il sassofonista Kamasi Washington, e molti altri degni di nota – lo aiutano a portare avanti nello stesso tempo jazz, R&B, rap e musica elettronica.

Il brano più sorprendente e potente di tutti è Never Catch Me, non a caso la traccia più lunga: un insieme di idee che da solo varrebbe un album e una vorticosa apparizione del rapper Kendrick Lamar che si condensano in quattro minuti di sontuose sonorità .

I toni virano drammaticamente con la seguente Dead Man’s Tetris, un miscuglio sinistro di melodici “bip” e colpi d’arma da fuoco che coinvolgono Ellison alias Captain Murphy (il suo alter-ego rap) e Snoop Dogg, in cui gli scomparsi J Dilla, Freddie Mercury e Peralta diventano parte di fantasie sull’Aldilà.

Se i lavori precedenti di Flying Lotus avevano qua e là momenti tetri ed elegiaci,  qui diventano centrali, evidenziati da Coronus, the Terminator (un duetto Ellison / Nicky Randa), Siren Song (magistralmente interpretata da Angel Deradoorian dei Dirty Projectors) e Obligatory Cadence.

Gli strumentali spaziano dall’umore giocoso che si riflette in titoli come Turkey Dog Coma e Turtles, al clima angustiato di Tesla e Moment of Hesitation, questi ultimi due dominati dalle percussioni febbrili di Gene Coye e dal luccicante sfarfallio del pianoforte di Herbie Hancock.

Il tutto si sviluppa in un ambito stilistico che avvolge e riveste con eleganza, fino alla conclusiva The Protest, dove Laura Darlington e Kimbra intonano dolcemente, come un mantra di sfida, We will live on forever (“Noi vivremo per sempre”).

Come già i suoi immensi zii Alice e John Coltrane, Ellison ha creato un opera artistica per l’eternità, straordinariamente progressiva ed emozionante.

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi