Angelo Branduardi/Fabio Zuffanti – Confessioni di un malandrino – recensione

di Riccardo Storti, pubblicato il 20 Luglio 2022

In questa caldissima estate va giù bene: è una bibita fresca, leggera e ricca di vitamine aneddotiche. Liscia, senza scorie e impurità, distillata goccia dopo goccia: il racconto di Angelo Branduardi diventa romanzo (uscito per Baldini + Castoldi) avvincente e avventuroso, grazie al piglio narrativo conferito da Fabio Zuffanti.

Conosco Fabio: lui si è messo lì con l’umiltà dello scrivano, attento all’ascolto di ore e ore di chiacchierate con il musicista. Dirò di più: da quelle sessioni ha saputo carpire la storia naturale della vita di un artista, traducendo in scrittura la forza affabulatoria del trovatore a cui siamo abituati ogni volta che ne riascoltiamo le canzoni.

Zuffanti è un po’ un Rustichello da Pisa alle prese con Il Milione musicale di Angelo Branduardi, viaggiatore di suoni nello spazio e nel tempo.

E noi lettori, fino dalla prima pagina, viviamo subito l’esperienza virtuale di salire a bordo di un bastimento carico di prodigi, pronto a traghettarci verso terre vissute, esplorate e degne di essere raccontate come favole tra quotidianità e pentagrammi.

Il mondo di Branduardi è complesso e semplice al tempo stesso: complesso perché ogni dettaglio è il capo di un filo d’Arianna che non sai dove possa condurti (a fronte talvolta di piacevoli sorprese); semplice perché ogni mossa del compositore ha una molla primordiale, la curiosità, vera stella polare di ogni passione da quando cominciò a toccare le corde del primo violino.

angelo branduardi

angelo branduardi

Una galleria di esperienze e persone (Fortini, Buckmaster, Faletti, Maurizio Fabrizio e Morricone, le stazioni salienti) che ci mostra anche una visione del “fare musica” attraverso i decenni (ah, gli appassionati di progressive italiano troveranno non poche chicche inedite che coinvolgono band come Il Rovescio della Medaglia, Banco del Mutuo Soccorso e Orme).

Non manca il Branduardi privato che si apre con delicatezza lasciando tra le righe pensieri e – se abbiamo la sensibilità per rilevarli – consigli preziosi. Da genovese non posso non apprezzare la manifestazione d’affetto per la nostra città che lo adottò durante l’infanzia (poi scopri pure che si trovò a cantare in un coro a Torrazza in Alta Valpolcevera, luogo che raggiunse con il mitico trenino di Casella).

Completano questo mirabile volume una poderosa discografia e bibliografia in appendice.

Riccardo Storti (articolo originale sul blog Asterischi di Musiche)

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi