Fields of gold

di Jessica Molinaro, pubblicato il 20 Gennaio 2015

by Jessica Molinaro

Guardo una fotografia che ritrae un paesaggio bucolico e familiare. Era la stagione dell’orzo ed il campo era diventato d’oro. Le spighe erano piegate dal vento dell’ovest, che sento anche sulla pelle e che scuote i miei ricordi.

Mi chiedo se hai memoria di questa brezza che si muove velocemente, o di questo sole caldo e dolce,o del cielo che sta lì, immobile e geloso a guardare quei due ragazzi innamorati, nel pieno della loro gioventù.

In balia dei ricordi, in mezzo a quelle spighe, immagino loro, sdraiati nell’erba: lei con i capelli lunghi sciolti, che piano piano si innamorava; lui che si domandava se quella ragazza fosse stata il suo amore per sempre, mentre la baciava.
Con la foto ancora in mano, esco in giardino, a guardare quel campo dal colore dell’oro, e penso che non ho ancora mantenuto la promessa, ma non ho mai promesso invano. Inizio a camminare in mezzo alle spighe dell’orzo, secche; sono passati molti anni da quei giorni d’estate, molte estati da quella foto, ma i bambini che oggi corrono ricordano il vento dell’ovest e i loro racconti sono il sole, di cui il cielo, sempre lo stesso dopo anni di distanza, è ancora geloso.

[av_video src=’https://www.youtube.com/watch?v=PeKE2Z-9HVM’ format=’16-9′ width=’16’ height=’9′]

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi