Kurt RussHell – new album – Whalerus – recensione

di Paolo Alessi, pubblicato il 23 Luglio 2019

Il primo vero album dei Kurt RussHell è un’ autoproduzione, (è  stato registrato al  Madido di Genova Sampierdarena), presenta piacevoli architetture: inanzitutto è un concept “distopico” e “post apocalittico”, si scaglia contro il capitalismo globale e propone un finale a sorpresa: l’estinzione umana.

L’ altra sorpresa è l’ essenza felicemente “acida” delle loro frequenze saturate e le vibrazioni “doom”, che esaltano il climax della narrazione tragica.

kurt russhell

La prima canzone Civilizzation che si scaglia subito brutalmente  contro il  sistema, soggiogato dalla frenesia del consumismo, è un uragano emotivo, presenta interessanti cambi tempo improvvisi all’interno delle strofe, che sono la base di forza del loro stoner, di matrice quasi crossover / metal psichedelico (Rage Against the Machine, Tool etc.) .

La chitarra di Alessandro Camu è nevroticamente onnipresente, (David Sullivan, Red Fang) solida e progressiva, (Josh Homme, Tony Iommi)  con riff semplici e robotici intervallati da “cuciture” di svise hard/psych, leggendarie ed hendrixiane.

Il secondo brano Giantess, è un vortice “bipolare” di sincope, potenza e sospensione, Davide Barba Bartoli è veramente un batterista affidabile e leggermente freak, facendo la differenza che un batterista deve fare; infatti da questa sospensione si apre concettualmente una breccia spazio-tempo, dalla  quale compare La gigantessa, che è il simbolo mitologico femminile della distruzione. Ottimo anche il basso di Andrea Ciccio Cau.

kurt russhell

Una metafora accentuata dalla muscolare voce post hardcore di Alberto Minghella (Henry Rollins, Black Flag) e quel tocco di classe quasi  emo-core di Dennis Lyxzen dei Refused.

Le chitarre imbizzarrite, sfumano nello sludge più seattleiano degli Earth; ed è così che la nostra gigantessa distrugge l’ intero pianeta, ma nonostante ciò l’umanità accecata, continua a venerarla.

Nel terzo brano Whalerus si manifesta il vero protagonista, antagonista, un tricheco- balena, che si scontra con la gigantessa. I due se le danno di santa ragione, senza un motivo nè scopo preciso, distruggendo tutto ciò che vi sta intorno.

Iin Human collapse, il quarto brano, la terra è oramai al collasso e l’umanità è orwellianamente divisa in due, ricchi e poveri (in un atmosfera nostalgicamente cyberpunk anni ’80); i ricchi si rifugiano nei loro bunker, ma i poveri li scovano per poi cibarsene, come nei migliori incubi dylandoghiani o nei peggio incubi di George Romero.

I due brani successivi The Hollow ed Hashes sono una descrizione ed un resoconto tragico delle condizioni dei superstiti, che vagano alla ricerca dei propri cari e del passato, i quali andranno completamente incontro ad un estinzione di massa .

L’ ombra e l’ apocalisse calano su Hope,  l’ultimo brano, in cui tutta l’ umanità è scomparsa e ma vi è un superstite, un individuo disorientato dalla propria condizione: l’incubo è oramai anacronistico e coscienziale,  l’ individuo non riesce a ricordare nulla tanto da addossarsi la colpa di tutto, o peggio nulla è addirittura mai accaduto. Alberto mi ha rivelato:  alla fine è una roba “Supernerd” o fantasy con in mezzo l’odio per la borghesia, la parte negativa delle droghe, o il fatto che siamo fottutamente soli.

Buon ascolto.

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi