Masterpieces from all times part 16: Funkadelic – Maggot brain – 1971

di Redazione, pubblicato il 16 Marzo 2022

Continuiamo la nostra serie di podcast di album fondamentali della storia del rock viaggiando all’indietro fino ai primi anni settanta, e presentando un capolavoro black firmato George Clinton e i suoi Funkadelic, un disco di svolta che ha portato il funk in territori psych rock aprendo la strada a quello che di li a poco sarà denominato disco-funk.

Il masterpiece in questione si intitola Maggot brain, il terzo album (uscito per Westbound Records) della band originaria del New Jersey che ne seguiva due altrettanto strepitosi (l’esordio omonimo e il secondo Free your mind… and your ass will follow, entrambi del 1970) e altri ne avrebbe pubblicati negli anni successivi, mutando sempre un poco lo stile fino a quell’ One nation under a groove del 1978 che rimane il disco più osannato dalla critica di Clinton (leader e vocalist) e compagni (il chitarrista hendrixiano Eddie Hazel, il tastierista Bernie Worrell e un imponete sezione ritmica comprendente altri due chitarristi, Lucius Tawl Ross e Garry Shider, il bassista Billy Bass Nelson ed il batterista Ramon Tiki Fulwood).

Sette brani che ha visto attivi in fase compositiva praticamente tutti i membri della superband, tra i quali spiccano la lunghissima title track iniziale dominata dalla chitarra fantascientifica di Hazel, protagonista assoluto con i suoi innovativi assoli anche in Super stupid, nonchè i vocalizzi gospel dei quattro Parliament in Can you get to that, o il delirio ritmico dei dieci minuti finali di Wars of Armageddon.

Un album imprescindibile in ogni discografia (e discoteca) rispettabile.

Buon ascolto.

funkadelic in 1971

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi