Masterpieces from all times part 24: Violent Femmes – Violent Femmes – 1983

di Redazione, pubblicato il 7 Agosto 2022

Continuiamo la nostra serie di podcast di album fondamentali della storia del rock questa volta prendendo in esame un disco americano di una band di Milwaukee, i Violent Femmes, fondamentali soprattutto nella seconda parte degli anni ottanta grazie ad un originalissima miscela di punk contenente elementi classici del folk e del counry.

L’album universalmente consacrato da punbblico e criica è senza dubbio l’esordio omonimo del terzetto composto dal vocalist, chitarrista e violinista Gordon Gano, dal bassista e xilifonista (oltre che vocalist) Brian Ritchie e dal batterista Victor DeLorenzo, prodotto da Mark Van Heckle e uscito per la Slash Records, una raccolta suonata prediligendo una strumentazione acustica con un suono molto particolare liriche pervase da sarcasmo ed ironia, che ne fecero istantaneamente una band di culto molto citata quale fonte di ispirazione nelle generazioni successive di musicisti.

Dieci brani, considerati da molti critici il primo esempio di fusione della tradizione folk statunitense con l’attitudine punk rock, tra i quali possiamo segnalare i due singoli, il primo il Blister in the sun d’apertura che apre il disco e il secondo Gone Daddy Gone che riprende alcuni versi di Willie Dixon (indicato come coautore), rifatto in seguito da varie band tra le quali i Gnars Barkeley (nel disco d’esordio) e i nostri Prozac+.

Buon ascolto.

violent femmes

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi