Masterpieces from all times part 10: Wilco – Yankee Hotel Foxtrot – 1996

di Redazione, pubblicato il 21 Dicembre 2021

Continuiamo la nostra serie di podcast di album fondamentali della storia del rock con un’altra band americana, e come per i precedenti Tortoise rimaniamo in quel di Chicago, dove ha operato una delle band più importanti in ambito alternative rock a cavallo tra la seconda metà dei novanta e il nuovo millennio, i Wilco, nati dalle ceneri dei già fondamentali Uncle Tupelo (che avevano lasciato il segno in ambito alternative country), guidati sapientemente da Jeff Tweedy che della band precedente mantiene la vena anticonformista e sperimentale.

Questo album dal titolo Yankee Hotel Foxtrot, è stato pubblicato nel 2002 dalla Nonesuch Records, ed è il quarto di una band che finalmente stacca il cordone ombelicale dal nuovo country avanguardista degli Uncle Tupelo e vira in una direzione post roots che è monumento alla schizofrenia della loro hometown, la città dei Blues Brothers e di Chuck Berry, nonchè culla del nascente post rock, che con la band di Tweedy ebbe poco a che vedere, nonostante la presenza del guru e pluristrumentista Jim O’Rourke (anche al mixing). Gli altri membri che formavano la band all’epoca di questa pietra miliare erano Jay Bennett (chitarrista, pluristrumentista e maggior autore della band sino a quel momento, che lascerà la band terminate le sessioni di registrazione), dal batterista Glen Kotche, dal bassista (già nei Tupelo) John Stirratt e dall’altro pluristrumentista (tastiere, piano e sassofoni in particolare) LeRoy Bach.

Undici i brani che compongono l’album, gemme assolute scolpite nell’immaginario dell’american music, difficile citarne qualcuna in particolare, ma la sorprendente fantasia arrangiativa dell’iniziale stralunata I Am Trying To Break Your Heart, la bizzarria tra southern e psichedelic freak di I’m The Man Who Loves You, il pop motorik krauto (alla La Dusseldorf) di Kamera e la byrdsiana Jesus, Etc. sarebbero già sufficienti a fare di Yankee Hotel Foxtrot uno degli album rock fondamentali dell’ultimo ventennio.

Buon ascolto.

wilco in 2002

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi