Live report: Anna Von Hausswolff al Circolo Bellezza di Milano, 11 marzo 2016

di Alessandro Zito, pubblicato il 16 marzo 2016

by Alessandro Zito

Venerdì 11 marzo 2016: Anna Von Hausswolff e la sua band sono appena giunti in Italia per tre date di promozione del terzo album The Miraculous, segnalato puntualmente su queste pagine dal nostro Roberto Giannini e da me considerato uno dei migliori dell’anno passato già dai primi ascolti. Per una fortunata coincidenza ho avuto modo di assistere ad una delle prime tappe del tour al Gebaude 9 di Colonia in dicembre, molto apprezzata, perciò appena ho saputo della data milanese al circolo Bellezza ho subito segnato il giorno sul calendario e coinvolto fidanzata e amici. Ancora una volta l’esito è stato superiore alle previsioni: forse per un ambiente diverso dal solito club che ha stimolato in positivo la band, o magari semplicemente per la scaletta rodata al meglio dopo qualche mese di tour. Ecco com’è andata.

Non sono ancora passate le 21 quando arriviamo nei pressi di Via Bellezza a Milano e intravediamo l’insegna del Circolo. Entrando l’impressione è quasi quella di aver sbagliato posto: ci troviamo in un locale che ha più l’aspetto di un’osteria che di una sala da concerti. Incuriositi, approfittiamo della poca coda per fare già il biglietto e beviamo con calma una birra artigianale servita al bancone.

Il tempo passa rapidamente, alle 22 si aprono le porte della sala a fianco ed entriamo subito per accomodarci. A colpirci stavolta è la scelta degli organizzatori di non lasciare il pubblico in piedi, ma disporre tavolini e sedie di fronte al palco, scelta insolita per un concerto rock. Contenti di essere tra i primi, ci scegliamo un tavolino alla giusta distanza dal palco e riprendiamo con le chiacchere in attesa che lo spettacolo inizi.

Il momento arriva dopo mezz’ora: in cinque si sistemano sul palco in penombra, si accendono le luci e lentamente si innalza il tappeto sonoro che introduce al primo brano, Discovery. Anna è seduta incappucciata dietro al suo organo elettrico, risaltata da un’aura blu proiettata dalle luci alle sue spalle. Dietro di lei un batterista e un tastierista alle prese con sintetizzatori ed effettistica varia, davanti a lei due chitarristi.

Anna Von Hauswolff e la sua band sul palco.

Sulle prime l’esagerato riverbero della sala ci spaventa: gli strumenti mano a mano che si inseriscono sembrano annegare in un mare indistinto di suoni. Sul palco anche la band dà l’idea di trovarsi in difficoltà e l’esecuzione del primo brano non è delle migliori. Non ci vuole però molto prima che il fonico dietro al mixer riesca a sistemare al meglio i volumi e trovi il giusto bilanciamento; il riverbero naturale dell’ambiente si rivela a dispetto delle previsioni un elemento a favore, dando a batteria, sintetizzatori e voce un suono caldo e profondo che difficilmente si riesce ad ottenere in un club.

Sono sufficienti un paio di brani perché la band prenda confidenza e la magia abbia inizio, complice lo spettacolo di luci che sostiene l’atmosfera ultraterrena delle composizioni. La voce e i potenti suoni dei sintetizzatori pervadono la sala e scaldano il pubblico, che brano dopo brano si fa sempre più sentire con applausi e urla di approvazione.

Dopo alcuni brani presi dagli ultimi due dischi e un tappetone di suoni a fare da intermezzo, uno dei chitarristi imbraccia una acustica e piano piano emerge il giro di chitarra di Stranger, brano tra i meno sperimentali ma sicuramente più sentiti dell’intero disco. Anna vince un attimo di esitazione e si fa strada tra l’intreccio di cavi sul palco per scendere in mezzo agli spettatori.

Se finora distrarsi è stato difficile, a questo punto diventa impossibile. Anna è a due passi da noi e canta il brano con una forza e una genuinità in grado di lasciare tutti con il fiato sospeso per alcuni splendidi minuti.

Sembra una chiusura perfetta, ma lei torna alla sua postazione dietro l’organo per l’atto finale: Come Wander With Me/Deliverance, brano epico che fa da cardine del disco. Come di consueto la partenza è sommessa: qualche nota di organo, il raddoppio del sintetizzatore. Via via si inseriscono gli altri strumenti ed è tutto un crescendo di intensità, per giungere ad un finale che è pura potenza ed emozione.

I cinque si congedano ma i numerosi applausi spingono Anna a tornare sul palco per suonare Warszawa in tributo a David Bowie. Qualcosa va storto e tribolando sul display del suo strumento non riesce a trovare i suoni giusti, perciò si scusa con un “Sorry… I’m a perfectionist” e fa salire i compagni sul palco per chiudere l’ora e mezzo di concerto con Mountains Crave.

Sul finale è il momento di dei saluti, Anna presenta la validissima band che la ha accompagnata alla perfezione e subito dopo li troviamo al banchetto del merchandising, dove assieme a noi si è formato un bel gruppetto di ascoltatori entusiasti.

All’uscita dalla sala veniamo investiti dalla luce bianca dell’osteria e passiamo di nuovo in mezzo ai tavoli, dove alcuni stanno ancora finendo di mangiare o bere qualche bicchiere di vino. Nonostante questo, ci vogliono ancora parecchi chilometri di Milano-Genova buia e dritta prima che l’emozione del concerto faccia nuovamente strada alla stanchezza del venerdì sera.

La sensazione che rimane è la stessa che si ha dopo aver visto un grande film, e si è pronti a scommettere che prima o poi l’attore principale o il regista vinceranno l’Oscar. Non ci è dato sapere se Anna Von Hausswolff e soci arriveranno a raggiungere le vette del panorama musicale; per quanto ci riguarda l’abbiamo già etichettata come una delle più interessanti realtà in circolazione, per originalità ed intensità della performance.

Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies per offrirti una migliore esperienza. Se continui la navigazione senza modificare le impostazioni relative ai cookies o clicchi su "Accetta", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi